Sette miliardi per finanziare nei prossimi anni il passaggio alla mobilità sostenibile, che si aggiungono ai quasi otto miliardi del Pnrr per rinnovare gli autobus, i treni locali, costruire ciclovie, stimolare le filiere industriali. C’è questo e molto altro dietro il comunicato con cui venerdì sera i ministri della transizione ecologica, dei trasporti e dell’industria hanno annunciato l’intenzione di fermare nel 2035 la vendita di nuovi veicoli a benzina e diesel.
Nei piani del Governo ci sono incentivi per l’acquisto di veicoli meno inquinanti, anche usati, e piani di riconversione che assorbano i possibili esuberi e anzi stimolino nuova occupazione. «Ci siamo mossi perché non possiamo permetterci di perdere la corsa all’innovazione nella mobilità. La transizione ecologica è la strada lungo la quale crescerà l’economia nei prossimi decenni. La transizione deve stimolare la crescita».
Per saperne di più: CLICCA QUI
(Fonte: Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili)